News

Don Kanye ci salverà dai nostri peccati con il Sunday Service

Yeezus è passato dalle parole ai fatti.

Tutto è iniziato lo scorso gennaio, quando Kanye ha istituito il “Sunday Service”, ogni domenica, proprio come quando da bambini ci obbligavano ad andare in chiesa.

Cosa sia il “Sunday Service” non è stato chiaro per molto tempo, un mix tra spiritualità, gospel, ma soprattutto un party esclusivo dove solo pochi eletti possono parteciparvi dopo essere stati personalmente invitati. (Suona come una setta?)

Ma cos’è esattamente il Sunday Service? 

È la nuova tradizione della famiglia Kardashian-West, ogni domenica si ritrovano insieme a un coro e a un’orchestra per cantare tutti insieme cover gospel soprattutto delle canzoni di Kanye.

Secondo Tony Williams, amico e collaboratore di lunga data di West, “l’obiettivo del Sunday Service è di essere in grado di comunicare efficacemente l’amore”.

View this post on Instagram

I wanna FLYY

A post shared by The World Famous Tony Williams (@tonywilliams) on

Ovviamente in prima fila c’è la famiglia Kardashian-Jenner, da Kim a Kylie passando per Khloé, Kourtney e Kendall, ma anche tante altre celebrità come Katy Perry e Orlando Bloom, Diplo, Courtney Love e Kid Cudi.

Per ora si può andare al “Sunday Service” solo su invito e i partecipanti devono firmare un accordo di riservatezza prima di accedere. Ma Kanye West ha in mente un piano molto più grande, ovvero portare la sua chiesa a livello globale.

La location cambia ogni settimana e sia Ye che il coro indossano sempre e rigorosamente i capi di Yeezy coordinati (anche la religione ha bisogno del suo dress code).

Grazie a una dichiarazione di Kim su Elle magazine possiamo capire meglio di cosa veramente si tratti il Sunday Service

“Il Sunday Service è onestamente più simile a un’esperienza di guarigione per mio marito, è solo musica, non c’è sermone. Gesù è sicuramente qualcosa in cui crede Kanye e sicuramente c’è un’atmosfera Cristiana, ma non c’è predicazione. È solamente un esperienza Cristiana molto spirituale.

I partecipanti fin ora hanno dato dei feedback positivi e Kanye vuole portare il tutto a un altro livello, costruendo un vero e proprio edificio per il culto, non solo una cappella fai da te fuori da casa sua e molto presto inizierà a fare audizioni per ministri che condividono la sua filosofia.

Il rapper di Chicago ha portato questo format al Coachella 2019, dopo aver rifiutato di suonare come headliner sostenendo che il palco fosse troppo piccolo e antiquato per la sua esibizione.

Niente meno che la mattina della domenica di Pasqua, alle 9:00 Kanye, il coro, l’orchestra e 50.000 persone si sono ritrovate sulla cima di una collina del Coachella per celebrare il Sunday Service insieme.

Sulla collina insieme a Kanye si sono esibiti anche Chance The Rapper, Kid Cudi, Teyana Taylor e DMX, tutti erano vestiti con la stessa tunica, mentre Kanye West officiava il rito, con dei classici del suo repertorio come “Ultralight Beam”, “Power”, “Otis”, “Fade”

Per noi mortali che ci stavamo preparando per andare dalla nonna a mangiare le lasagne c’era la possibilità di guardare lo streaming su YouTube ma non a schermo pieno, solo attraverso una sorta di spioncino, come se stessimo spiando un rito.

Durante l’esibizione, Kanye, ha eseguito un brano inedito, Water, che sarà probabilmente presente nel suo prossimo album Yandhi, l’album di West che sarebbe dovuto uscire lo scorso autunno e di cui non si sa più nulla riguardo di una prossima pubblicazione.

Kanye, ma come faremmo senza di te?

Leave a Reply

Exclamation Triangle Check code