fbpx
GGGG

“Non ti è piaciuto?” “Speravo fosse un Magnum…”

By 12/07/2016 Novembre 14th, 2018 No Comments

Presente quando sei in terza media? E il CreGrest? E gli ormoni sfavillanti della preadolescenza? E gli animatori? Che sembrano così grandi, con quel baffetto e quella chiazza di peli sul petto che ce li fanno vedere così maschi?

Wooow tutto molto bello, fino ai 16.

uCNpO2R

Se hai il coraggio di andare con un tuo vecchio animatore del cre da maggiorenne sei una sfigata.

Io, appunto, sono una sfigata. 🙈

C’era questo ragazzo italoamericano, italoargentino o italobrasiliano, nemmeno mi ricordo, bellissimo. Alto, muscoloso, capelli scuri. Molto molto bello.

Io diciassettenne senza speranza pendevo dalle sue labbra e facevo le peggio cose eseguendo tutti i suoi ordini (niente di squallido alla 50 sfumature di grigio, sia chiaro, robe tipo andare a recuperare il cappellino perduto al bambino x o convincere la bambina y a giocare a uno di quegli orribili giochi con l’acqua).

gyFa7GA

Comunque, questo prende e va per tornare in madrepatria, e manca dal giro per tot anni.

Torna che io ne ho 20, caso fortuito i suoi amici decidono di festeggiare il ritorno nella discoteca nella quale lavoravo e le mie farfalline nello stomaco (non solo quelle) fremono.

Momento di puro gossip: ero stata avvisata della rimpatriata da un suo amico, vedi storia #3. Quello del senso di colpa, sì. Poverino.

2R7B1N1

Comunque arriva sul posto, io tirata a lucido manco la macchina d’epoca preferita dei padri ricchi dei film americani, mi butto al suo collo in un lungo abbraccio pieno di vecchi ricordi… tanto affetto… tanta gioia… tanto sudore. Quello sì che mi ricordava i bei vecchi tempi: alle 11 del mattino, sotto il sole e con 45 gradi ad ascoltare la preghiera del don quando pensi solo alla cotoletta che andrai a mangiarti dopo dalla nonna.

Gli offro da bere come bentornato e dopo tante zoccolette sudamericane si vede che si è scordato il fascino italiano (volevo fare un po’ la figa, ma alla fine era solo tanto ubriaco).

La serata vola via veloce e io non voglio far scappar via quello che ho inseguito per 5 anni.

Questa discoteca aveva due bar, uno in uso e l’altro chiuso perché la serata era abbastanza vuota. Decidiamo di ritirarci in un posto più tranquillo, appunto quel bar spento e desolato. Entriamo nella cambusa, mi slaccia i pantaloni, mi prende in braccio e mi poggia sul frigo bar Sammontana (ancora mi chiedo perché fosse lì quel coso) e via di Calippo! E blabla tutto il resto. Già mi conoscete. E sapete anche che dopo un po’ arriva il patatrac!

3kfvN8P

Tutto molto eccitante finché sento una delle canzoni top of the pops della serata ma questo imperterrito continua mentre la mia libido scende notevolmente sempre di più. Su e giù, dentro e fuori. Che noiaaaa che noiiiaaaaa! Io voglio cantare e ballare!

Lo stacco, gli chiedo scusa facendogli notare che mi aspettavo qualcosa di più da lui, almeno un piccolo premio per la lunga attesa! Con gli skinny ancora slacciati corro in pista e finisco la serata felice con le mie amiche, che non hanno il pene ma sono comunque più di compagnia di un martello pneumatico, lento e… gelato.

zfUOdyG